| Come e perché insonorizzare una chiesa
1338
post-template-default,single,single-post,postid-1338,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.2,side_area_over_content,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive

Come e perché insonorizzare una chiesa

Ogni volta che si assiste ad una cerimonia all’interno di una chiesa, non si può fare a meno di notare che i suoni risultano confusi e le parole pronunciate dall’altare poco chiare.
Come mai? I motivi possono essere numerosi, ma è importante identificarli e risolvere i problemi ad essi legati in un luogo in cui l’obiettivo principale è la comunicazione orale.

La causa principale è la riverberazione sonora, un fenomeno abbastanza comune che può essere quantificato con precisione analizzando il tempo di riverbero, ovvero il tempo di permanenza del suono nell’ambiente dopo che è stato emesso.

A causa è dovuta? Innanzitutto alla riflessione multipla del suono sulle pareti dell’edificio, che produce una lunga permanenza del suono nell’ambiente. Un eccessivo riverbero, appunto.
Gran parte delle chiese, per giunta, è caratterizzata da un elevato numero di altoparlanti, fattore questo che non fa che acuire il problema.

Per una buona intelligibilità è necessaria una corretta progettazione acustica, che limiti il fenomeno di riflessione sonora indirizzando il suono esclusivamente verso gli ascoltatori mediante l’utilizzo di pannelli sonori fonoassorbenti dedicati.

Hai bisogno di aiuto per l’insonorizzazione di chiese e luoghi di culto? Contattaci per una consulenza tecnica!

 

I campi contrassegnati dal simbolo asterisco (*) sono obbligatori